venerdì 1 dicembre 2017

Il testo della Lettera di Filarete a Kirill

In queste ore vi è stata molta confusione mediatica nel mondo ortodosso, generata dalla presunta lettera inviata a Kirill da Filaret di Mosca, come ad esempio segnalato da Pravoslavie.ru. Sebbene abbia ricevuto la lettera del patriarca Filaret in modo ufficioso, questa anche è stata resa nota più tardi sul sito ufficiale del patriarcato di Kiev, e, vista la portata dell'evento mediatico, presumo di doverla riportare in italiano [1]. La traduzione non sarà perfetta, ma spero sia accettabile:

LETTERA DI SUA EMINENZA FILARETE - AUTOPROCLAMATO PATRIARCA DI UCRAINA
ALLA SUA SANTITA' KIRILL DI MOSCA, PATRIARCA DI TUTTE LE RUSSIE 



Al primate della Chiesa Ortodossa Russa, 
Il patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill
E all'Episcopato della Chiesa Ortodossa Russa

Vostra santità!
Fratelli in Cristo!

Insegna la Divina Scrittura: Non rendete a nessuno male per male. Impegnatevi a fare il bene davanti a tutti gli uomini. Se è possibile, per quanto dipende da voi, vivete in pace con tutti gli uomini[Romani 12:17-18] E il nostro Salvatore insegna:  Dall'amore che vi sarà fra di voi vi riconosceranno come miei discepoli [Giovanni 13:35]. Cercando di porre fine ai conflitti e alle divisioni fra cristiani ortodossi, affinché sia ripristinata la comunione eucaristica e orante - come si addice alla Una Santa Universale e Apostolica Chiesa, al fine di raggiungere la pace fra cristiani di vera fede, e la riconciliazione dei popoli, mi rivolgo a Voi chiedendo una risoluzione definitiva con la quale potremmo mettere fine alla rivalità attuale. In particolare, vi chiedo di annullare la pena della scomunica, che sono contrarie a quanto enunciato finora [ovvero alla concordia, ndt]. Esprimiamo inoltre la speranza che, con l'aiuto di Dio, verranno prese tutte le decisioni più consone per il bene dell'Ortodossia. Negli ultimi anni, molti errori e conflitti hanno oscurato le relazioni fra ortodossi dei nostri Paesi. Possa venire presto il giorno nel quale diremo come diciamo al glorioso rito di Pasqua: << abbracciamoci e chiamiamo fratelli coloro che ci odiano, e a coloro che ci odiano tutto perdoniamo a causa della Resurrezione >>. Io, come fratello e concelebrante, domando perdono a tutti, se in qualcosa vi ho offesi con le parole, con le opere, e con tutti i miei sensi, e così a voi perdono tutto di buon cuore. 

Con amore in Cristo, 
Vostro fratello + Filarete
16 Novembre 2017

 Notiamo infine la data della lettera: 16 novembre

------------------------------------------------------------------------
1) La lettera in lingua originale

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.